Wikipedia: Oracle

Da Wikipédia, a enciclopédia livre.
Ir para a navegação Ir para a pesquisa
Disambiguation note.svg Desambiguação - "WP: O" se refere aqui. Se você estiver procurando por diretrizes sobre páginas órfãs, consulte Wikipedia: Página órfã .
Abreviações
WP: O

O Oraculo

Atenção!!!

Já tentou fazer uma pesquisa ...?


Qual é o oráculo?
"Todo homem é um herói e um oráculo para alguém" ( Ralph Waldo Emerson , Letters and Social Aims (1876))
  • Se houver informações que você não consegue localizar na enciclopédia , ou se você tiver dúvidas sobre o conteúdo que normalmente encontraria em uma enciclopédia, mas não consegue encontrar na Wikipedia, tente deixar uma mensagem aqui.
  • Não há garantia de que as respostas que você recebeu sejam corretas ou de que alguém responderá a você.
  • Algumas respostas podem vir acompanhadas de ironia e vontade de brincar , que não se deve confundir com intenções abertamente zombeteiras: ninguém morde aqui.
  • Se mais tarde você encontrar a resposta à sua pergunta aqui ou em outro lugar, adicione as informações que faltam às entradas relevantes , ajudando a Wikipedia a crescer e se tornar mais completa.
  • As respostas às suas perguntas estão escritas nesta página, onde permanecerão visíveis por 30 dias ; mais tarde, eles serão movidos para o Oracle Archive .
  • Não deixe seu endereço de e-mail: a Wikipedia pode ser pesquisada publicamente e você corre o risco de receber lixo eletrônico .
  • Sempre assine suas mensagens com 4 tis: ~~~~ (veja também Ajuda: Assinatura ).



Erro no Google Maps

Há um erro no Google Maps, mas não se enquadra em nenhum dos casosaqui indicados, por isso não posso atuar na denúncia. Em particular, o erro diz respeito a um pequeno país com um nome composto por dois termos, que nos mapas é incorretamente indicado como dois países diferentes, cada um com uma parte do nome. Por exemplo, é exatamente como se em vez de Sasso Marconi, que é um único centro habitado, fossem indicadas duas cidades diferentes e distintas: uma chamada "Sasso", a outra chamada "Marconi". O erro obviamente não diz respeito a Sasso Marconi, foi apenas um exemplo. E garanto que não é questão de bairros, a segunda parte do nome é só o padroeiro. Como posso relatar tal erro ao Google Maps? - 146.241.201.69 ( msg ) 20:21, 15 de julho de 2021 (CEST)

Como infelizmente faço cada vez com mais frequência aqui no Oracle, o meu é uma não resposta. Quero esclarecer imediatamente que o meu não é uma nota para [ @ 146.241.201.69] , mas para esta estranha forma de fazer perguntas que costumo encontrar aqui no Oracle ou no Information Desk e é sobre isso que gostaria de falar . Eu disse "jeito estranho" porque é completamente diferente do que eu faria (e talvez eu seja o "estranho") :-) Por exemplo, eu teria feito a pergunta nestes termos:
"Encontrei um comportamento que acredito estar incorreto no Google Maps. Estava procurando por" Nome do país claramente especificado ", um pequeno país com um nome que consiste em dois termos, que nos mapas são indicados incorretamente como dois países diferentes, cada um com um parte do nome. Dê uma olhada também: estou errado ou o Maps está errado? Como posso relatar esse erro ao Google Maps? "
Repito, não estou a falar do caso concreto, mas sim deste estranho comportamento, que eu assimilaria ao pudor, que me leva a revelar o menos possível do que o perguntado. Neste caso a vila é pequena, tem um nome como Sasso Marconi, mas não é Sasso Marconi, não é um bairro e o segundo nome é o do padroeiro. Quase parece um enigma :-) Mas por quê? Não seja tímido, dê o máximo de informações possível: local, coordenadas geográficas, sistema operacional e navegador utilizado, tudo. Também espere ser aquele a cometer erros, mesmo que pareça impossível (eu vi coisas, que vocês humanos etc. etc.) e 20 olhos são melhores do que dois.
De qualquer forma, eu disse que não era uma resposta, mas talvez estivesse errado. Na verdade, neste caso, eu faria a pergunta na comunidade de assistência do Google Maps , mas recomendo, na pergunta a ser feita lá, escreva todos, TODOS os dados possíveis. :-) - Lepido ( msg ) 09:21, 19 de julho de 2021 (CEST)
[ @ Lepido ] O objetivo da minha pergunta não era saber se houve um erro ou não, mas como relatar um erro do qual tenho certeza, mas que não se enquadra nos casos especificados na página de ajuda. Não me parece apropriado escrever o nome de um povoado de cerca de 1100 habitantes que aposto que nenhum dos que vão ler sabe, e vou explicar por quê:
Se eu tivesse escrito o nome da aldeia, certamente qualquer pessoa interessada na questão teria ido procurá-la no Maps. Por ser um lugar certamente desconhecido por todos, a discussão seria desviada não para onde eu pudesse relatar o erro, mas para o porquê afirmo que é um erro. E talvez você tivesse me perguntado se eu tenho certeza, se não é apenas o nome de um bairro etc etc e no final eu deveria ter revelado que tenho certeza do engano porque eu moro no país em questão desde que existia neste mundo.
Então talvez eu devesse ter sido mais direto e dizer que no Google Maps a fração onde moro, composta por dois nomes, XXXXX San YYYYY, é informada incorretamente, resultando em dois países distintos, o primeiro "XXXXX" e o segundo "San YYYYY ", mas não vejo por que deveria ter contado a todos onde moro, se o assunto da minha pergunta é simplesmente saber onde informar ao Google que há um erro no nome de um país no Maps. Obrigado por vincular o site a mim; -) - 146.241.201.69 ( msg ) 09:39, 19 de julho de 2021 (CEST)
Acho que é Santa Paranóia ... - Captivo ( msg ) 09:47, 19 de julho de 2021 (CEST)
Mammamia que viagem o IP solicitante fez. -37.160.147.57 ( msg ) 11:42, 22 de julho de 2021 (CEST)
Se era mesmo tão paranóico, também teve de mascarar o IP, para não nos deixar saber que escrevia da província de Varese. Mesmo que não signifique: neste momento estou na Itália, não na Irlanda nem nos EUA, apesar do meu endereço IP :) -192.94.30.129 ( msg ) 08:33, 26 Jul 2021 (CEST)

Papa em Astana

Nos últimos meses tem falado muito sobre a participação do Papa Francisco em um importante encontro inter-religioso em Astana que deveria ter sido realizado em junho de 2021. Há alguma informação sobre se foi realizado, se foi cancelado ou algo mais? Obrigado. -195.62.160.60 ( msg ) 12:59, 19 de julho de 2021 (CEST)

Adiado: "O sétimo Congresso estava planejado para ocorrer este ano, mas devido aos desafios globais em curso relacionados à pandemia COVID-19, o evento foi adiado para o próximo ano." . - Rojelio (conte-me tudo) 16:30, 19 de julho de 2021 (CEST)
Obrigado! -195.62.160.60 ( msg ) 11:30, 20 de julho de 2021 (CEST)


Pergunta sobre a saudação militar

Alguém que foi militar poderia me explicar como funciona a saudação nessas situações?
- militar uniformizado que vai a uma entrevista / reunião em um escritório civil. Como você cumprimenta os presentes?
- e ao contrário, com um civil que vai ao encontro de um soldado em seu escritório, como se dá a saudação entre os dois?
- militar uniformizado que está fazendo uma verificação de rotina de documentos. Pelo documento, ele percebe que a pessoa à sua frente é seu superior (fora de serviço e à paisana). Como você o cumprimenta? E como o superior responde à saudação?
- e vice-versa, com um soldado não servindo encontrando um superior uniformizado? - Postcrosser ( msg ) 12:32, 21 Jul 2021 (CEST)

As regras que podem ser consultadas online são bastante esparsas, presumo que a matéria se rege principalmente pelos regulamentos internos dos diversos órgãos. Resumindo: “A saudação militar é uma manifestação de disciplina e cumprimento dos deveres decorrentes das relações hierárquicas e é devida, nas formas prescritas, pelo soldado uniformizado a todos os superiores”; "O soldado em traje civil [...] cumprimenta com as formas usuais entre os civis"; “Disposições especiais regulam os casos particulares em que o soldado é dispensado da saudação” (art. 27 do regulamento da disciplina militar, [1] ).
Portanto, sem prejuízo de outros atos de regulamento interno: o soldado de uniforme não deve fazer saudação militar a nenhum civil (mas a alguns civis em particular sim: o Presidente da República, por exemplo, que é seu superior hierárquico); um civil não deve saudar um soldado, uniformizado ou não; o soldado de uniforme deve saudar um superior, mesmo que este não esteja de uniforme; o soldado não uniformizado não deve saudar um soldado uniformizado, mesmo que o segundo seja seu superior (saúda "à maneira civil usual"). - Franz van Lanzee ( msg ) 16:54, 21 de julho de 2021 (CEST)

Respondendo em detalhes as perguntas do gentil amigo [ @ Postcrosser ] , * até onde eu sei *:

  • soldado uniformizado indo para um compromisso / reunião em um escritório civil. Como você cumprimenta os presentes? e ao contrário, com um civil que vai ao encontro de um soldado em seu escritório, como se dá a saudação entre os dois? . Não é um caso contrário, mas exatamente o mesmo: o local da reunião é irrelevante. O soldado fardado em circunstância oficial e / ou pública sempre saúda com uma saudação militar, quer a saudação seja dirigida a um civil ou a um soldado. O civil cumprimenta "à voz" (bom dia, boa noite etc) e / ou tira o chapéu ou outra forma de saudação "civilizada" e se estende a mão ao soldado pode apertar (* após * ter trouxe a saudação militar). Mas atenção: a distinção está no termo "fardado", que deve ser entendido em uniforme * completo com capacete *: se faltar o capacete (o que no entanto nas circunstâncias oficiais formais sempre existe) o soldado cumprimenta como um civil. Para dar um exemplo, se um coronel está trabalhando em sua mesa de escritório (portanto de plantão e em um escritório militar, mas obviamente sem chapéu) e um civil e um capitão de uniforme entram, o capitão saúda militarmente, o civil cumprimenta. .. civilizadamente, e o coronel civilizadamente cumprimenta os dois, "retificando a posição" (ou seja, sugerindo uma espécie de "cuidado") se o civil for de posição superior em termos de cerimonial (na prática, se ele for um bem- pessoa educada, de qualquer maneira). O mesmo ocorre em uma sala onde um grupo de soldados está trabalhando (um escritório, por assim dizer, ou uma oficina) com as cabeças descobertas e onde eles obviamente * não * se cumprimentam militarmente. Se então um soldado em uniforme completo se encontra na situação de ter de cumprimentá-lo, mas está com a mão direita engajada (ele está dirigindo um veículo, ou carregando um objeto, etc.), é suficiente que ele "retifique a posição". Finalmente, se o soldado de uniforme estiver injustificadamente sem chapéu por motivos não inerentes ao trabalho, ele ainda cumprimentará o civil ou seu superior "retificando sua posição" (e posteriormente será esfolado vivo por seu superior por sua imperdoável desleixo ... ;). Por último, em alguns espaços, como por exemplo ao entrar na cantina ou no clube, a saudação é apresentada por quem entra em conjunto a todos os presentes, sem obrigação de resposta, e as subsequentes saudações, após a retirada do capacete, são informais. Ao contrário do caso em que se entra na sala onde está guardada uma bandeira de guerra (normalmente o gabinete do comandante do corpo): neste caso quem entra cumprimenta a bandeira * imediatamente *, militarmente se for um soldado uniformizado, formalmente se é civil (tira o chapéu e / ou abaixa a cabeça e / ou, se for civilizado, leva a mão direita ao coração), e isto é válido como saudação a todos os presentes, que respondem à saudação. Uma última nota, se bem me lembro, houve um curto período (na época de Spadolini como ministro da Defesa, eu acho), em que a saudação militar era prescrita mesmo com a cabeça descoberta, mas foi, agradecendo a Nanabozo (o Grande Coelho) uma provisão que teve uma vida muito curta.
  • soldado uniformizado que está fazendo uma verificação de rotina de documentos. Pelo documento, ele percebe que a pessoa à sua frente é seu superior (fora de serviço e à paisana). Como você o cumprimenta? E como o superior responde à saudação? e vice-versa, com um soldado não servindo encontrando um superior uniformizado? . Também aqui não é um caso contrário, mas exatamente o mesmo caso, e o mesmo caso do ponto anterior, que é um encontro entre um civil e um militar: a relação hierárquica entre os dois é irrelevante. Os militares saúdam militarmente, os civis ... civilmente (como acima). Se a sua pergunta (como creio) está relacionada à precedência baseada na posição hierárquica, no primeiro exemplo você trouxe o soldado de uniforme ele já cumprimentou o superior à paisana na hora da reunião (primeiro, se for ele que se dirigiu ao "civil", ou em segundo lugar, se for o "civil" que se dirigiu a ele), então quando ele mais tarde descobre que é um de seus superiores hierárquicos, nada muda, agora se despedem, a precedência da saudação de parte das forças armadas de patente inferior não se aplica. No segundo caso, em termos práticos, se um soldado em pleno serviço e uniforme encontra acidentalmente um soldado fora de serviço à paisana, é obrigatório que o jovem (se estiver de uniforme) cumprimente primeiro e receba uma saudação em resposta " civil "pelo superior, mas é uma boa prática que o superior (se estiver uniformizado) não finja de forma alguma ser saudado por militares de patente inferior se estiver de folga à paisana.

De resto, aplica - se o que já foi esclarecido pelo amável amigo [ @ Franz van Lanzee ] : civis e soldados à paisana * não * cumprimentam militarmente, em * quaisquer * circunstâncias, nem mesmo se forem ex-militares em se vão embora ou se participam de uma cerimónia oficial (com todo o respeito pelos membros das Associações de Armas, um merecedor e outro merecedor, mas infelizmente muitas vezes têm o * mau * hábito de o fazer). Saudações cordiais - Arturolorioli ( msg ) 21:10, 21 Jul 2021 (CEST)

Muito obrigado [ @ Franz van Lanzee ] e [ @ Arturolorioli ] pelas respostas abrangentes e claras! - Postcrosser ( msg ) 01:53, 23 de julho de 2021 (CEST)

Concerto sinfônico de aquecimento: como se chama?

Eu estava me perguntando, o que você diz quando, antes de começar um concerto de música clássica, você experimenta os instrumentos? Você sabe que não, quando aquelas noites de "aquecimento" são emitidas antes de começar, com todo o público já presente ... - 151.33.101.135 ( msg ) 18:11, 21 Jul 2021 (CEST)

Na verdade, geralmente não se trata de aquecimento, mas de afinação. Cantores regularmente aquecem suas vozes antes de começar um show, mas eles não o fazem na sala, mas antes de entrar; o mesmo acontece, eu acho, para alguns instrumentos de sopro que não é aconselhável começar a tocar "frio". Todos os instrumentistas, por outro lado, (especialmente cordas) precisam verificar a afinação de seu instrumento depois de chegarem ao seu lugar, e é isso que eles fazem, mesmo que de fora pareça incrível que eles sejam capazes de afiná-los. condições. Na orquestra, a referência para afinação é dada pelo oboé. - 5.90.40.200 ( msg ) 22:44, 21 de julho de 2021 (CEST)
Obrigado! Então, isso é chamado de ajuste? Este é o termo correto? Então você pode dizer "Gosto muito do momento de afinação" ou "quando eles afinam os instrumentos antes de um show?" obrigado novamente
Por falar em aquecimento, lembro que há muitos anos li algo interessante em um livro ainda mais antigo. Estamos falando de uma época em que os condicionadores de ar eram um luxo para o verdadeiro Scrooge (ou não eram confiáveis) e, portanto, a temperatura da sala subia quando o público entrava e ficava lá. A frequência de um instrumento de cordas tem uma dependência completamente desprezível da temperatura. Em um instrumento de tubo, por outro lado, a geometria fixa o comprimento de onda L e a frequência é f = v / L, onde a velocidade do som é proporcional a sqr (T). Havia, portanto, procedimentos especiais que distinguiam as afinações quentes e frias ... mas deveriam ser coisas do passado distante.
No entanto, para causar uma variação de uma vírgula sintônica (81/80, considerada fortemente dissonante) em um instrumento de sopro, são necessários 8 graus de temperatura. 151.29.19.73 ( msg ) 07:50, 22 de julho de 2021 (CEST)

Mil trilhões em fumaça

A # Pergunta sobre sociedades por ações acima me inspira outra. Muitas vezes acontece de ouvir ou ler manchetes como "Dia negro na Piazza Affari, mil trilhões de fumaça". Já me lembro há muitos anos que meu pai a essa altura estava sempre gritando com raiva "o que diabos isso significa na fumaça!". Apenas alguns dias atrás, havia títulos semelhantes. Então, o que significa "enfumaçado"? Certamente não há uma multidão de pessoas em frente à bolsa de valores fazendo uma fogueira de notas. Minhas suposições sempre foram: 1) o dinheiro não desapareceu, está nos bolsos de "outra pessoa", mas por alguma razão "não conta"; 2) esse dinheiro nunca existiu em primeiro lugar (talvez um cachimbo não tenha nada a ver com isso, mas o exemplo da aldeia onde vivem apenas 3 pessoas, vem à mente o verdureiro, o farmacêutico e o sapateiro; o verdureiro compra um remédio a 1 euro, o farmacêutico usa esse euro para pagar ao sapateiro, o sapateiro usa esse euro para comprar fruta, o produto interno bruto da aldeia é de 3 euros, mesmo que a mesma moeda de 1 euro circule sempre pela aldeia. Dinheiro mágico!) . Cheguei perto ou não entendi um figo seco? - 87.15.7.63 ( msg ) 23:21, 21 de julho de 2021 (CEST)

É simplesmente uma expressão jornalística que não tem significado preciso, nenhum dinheiro vira fumaça, nem mesmo virtualmente. Todos os dias as ações de algumas empresas listadas são negociadas nos mercados, mas não necessariamente todos os dias todas as ações de uma única empresa mudam de dono! Se uma empresa tem mil ações e hoje uma única ação é negociada ao preço de dois mil euros e amanhã a mesma ação ao preço de mil euros, a manchete escandalosa seria "Queime um milhão de euros num só dia ! 1! 111 !! !! ", ainda que na realidade só tenha havido uma perda de 1000 euros por parte de quem comprou hoje aquela ação a 2000 euros e a vende no dia seguinte a 1000 euros. X-Dark ( msg ) 09:46, 22 de julho de 2021 (CEST)
Eu sempre me pergunto por que eles também não fazem os títulos reversos quando o mercado de ações está indo bem, como "Obtenha um trilhão de capitalização durante a noite !!" - Postcrosser ( msg ) 01:51, 23 de julho de 2021 (CEST)
Você faz um título assim e no dia seguinte tem a Piazza Affari cheia de gente exigindo que as notas que brotaram durante a noite sejam redistribuídas ao povo, numa tentativa de emular uma tentativa anterior de cultivo de dinheiro . - Arres ( msg ) 08:36, 23 de julho de 2021 (CEST)

Queridos amigos, na verdade acho que a resposta é um pouco mais complexa. O valor das ações não é um valor absoluto, mas sim um valor estimado, virtual e variável, indefinido até o momento em que é convertido em dinheiro "real" com o ato da compra ou venda. Portanto, se o valor de todos os títulos foi estimado em 100 euros ontem e hoje é estimado em 90, na verdade 10 euros realmente “desapareceram”, mas simplesmente do seu valor total * estimado *. Isso obviamente não significa que alguém queimou fisicamente algum papel-moeda, mas se eu comprei ontem e hoje vendi esse dinheiro, realmente o perdi. No entanto, a “perda” existe com certeza apenas no caso pouco frequente de uma venda a curto prazo, porque mesmo que o valor total da capitalização caia é perfeitamente possível que um investidor esteja a ganhar o mesmo. Por exemplo, ele pode ter comprado ações pagando 100 euros há um mês, que entretanto quadruplicaram de valor por serem negociadas a 400 euros, para cair hoje para 300 euros: então, mesmo * se vender hoje *, ele não "perdeu 100 euros "ao todo, mas em vez disso rendeu silenciosamente 200 em comparação com o investimento inicial. Ou, ainda na mesma situação, pode ter sido ele que ontem vendeu suas ações a granel por 400 e agora o mercado (por excesso de sua oferta) as avalia apenas por 300: mas entretanto ele as vendeu a todo ou preço quase total, obtendo um lucro. muito bom. Ou, sempre na mesma situação, um investidor bom e sobretudo muito bem informado pode ter investido no futuro sobre aquelas acções a baixo: ontem, quando estavam a 400 euros, pode ter colocado como futuro hoje a 350 euros, quando, em vez disso, são negociados a 300, ganhando limpo e limpo 50 euros. Ou, ainda em relação à mesma situação, o mesmo investidor bom e bem informado pode ter os elementos certos para perceber que o estoque está agora subestimado, aproveitar a oportunidade da queda e comprar hoje a 300 euros sabendo que amanhã ela voltará a ser negociado por volta de 400 e em um mês talvez 600: aqui também o declínio é uma oportunidade de lucro. Em suma, é possível que a queda dos índices bolsistas seja na verdade uma oportunidade de ganho, ou simplesmente o resultado da conversão de uma parte do "valor" das ações (repito, estimado, virtual e variável) em " "dinheiro real que soa e dança... Por fim, para quebrar uma lança a favor dos jornalistas, os especializados não falam e nunca falariam de “100 euros se desfizeram”, mas, mais precisamente, de “100 euros * de capitalização * se desfizeram”, que É uma diferença abismal, para não falar que entre os títulos e o conteúdo de um artigo existe sempre (por razões óbvias de espaço) um abismo em termos de profundidade. Claro, se um jornalista não especializado escreve a notícia, talvez ele use termos impróprios, mas esse é o senso comum de quem usa a mídia. Para obter uma explicação de como consertar um par de sapatos, você vai a um sapateiro, não a um eletricista, e menos ainda para ouvir um completo estranho que conheceu na rua: o mesmo vale para informações econômicas, recorre-se a jornalistas e especializados jornais, não para um jornalista talvez até bom, mas que geralmente escreve sobre notícias ou entretenimento, e muito menos para qualquer idiota que escreve no Facebook ou (como eu;) !!!) na Wikipedia. Saudações sempre cordiais. - Arturolorioli ( msg ) 11:28, 23 de julho de 2021 (CEST)

Obrigado a todos pelas respostas! Mas agora não sei se tenho ideias mais claras do que antes ou mais confusas :) - 87.2.25.5 ( msg ) 12:18, 24 Jul 2021 (CEST)
[ @ 87.2.25.5] se ainda não o fez, leia a bolha especulativa . Se esses mecanismos não são claros para você (como evidentemente não são claros para aqueles que dizem que a expressão "queimado x bilhões" não faz sentido: mesmo que não haja dúvida de que é extremamente impreciso, como Arturolorioli explicou muito bem acima) , preste atenção em como você usa seu dinheiro ...
Por falar nas manchetes dos artigos de jornal, há pouco para se escandalizar. A tarefa do redator do título não é resumir fiel e efetivamente o conteúdo do artigo: é, antes, atrair a atenção do público para o artigo, para que as pessoas possam lê-lo (mais precisamente: visite a página do artigo na web , visto que hoje é disso que depende a receita do jornal; em anos longínquos pretendia-se que os jornais fossem comprados nas bancas). Cada um com sua profissão. - 109.118.66.178 ( msg ) 15:47, 24 de julho de 2021 (CEST)
Desde que seja o dinheiro de uma única pessoa, talvez possa ser compreensível até para quem, como eu, não entende nada de finanças. Compro um quadro por 1000 euros e não sinto que “queimei” 1000 euros, sinto-o como uma “troca”, 1000 euros em dinheiro trocado por uma tela que vale 1000 euros, ou seja, é potencialmente revendível por 1000 euros. Mas então descobri que não é realmente daquele pintor famoso, então poderei vendê-lo por 10 euros no máximo. “Queimei” 990 euros, não as notas que estão nos bolsos do vendedor, o valor escondido na pintura. À medida que queimei este valor, posso "criar" valor "do nada", não necessariamente pintando quadros :) mas simplesmente todos os dias com o meu trabalho, seja qual for o meu trabalho ("do nada" obviamente entre aspas, porque para criar este valor eu tem que gastar tempo e energia, que deve vir de algum lugar, aqui corro o risco de invadir a termodinâmica, cosmologia e filosofia!). Ma quando la cosa si applica alla collettività, come nella Borsa che "brucia" i miliardi, la cosa diventa più difficile da capire perché è un sistema complesso e non riesco a "vederne" le parti in movimento. Nell'esempio del quadro, accetto il fato che parte della ricchezza complessiva esistente, quei 2000 euro, sia davvero "bruciata", "svanita nel nulla", resta il fatto che io ci ho perso, e il venditore ci ha guadagnato, perché alla fine ha 1000 euro in tasca invece di una crosta. Nel caso che citi della bolla speculativa , quando la bolla scoppia cosa succede esattamente nel complesso? Certamente molti perderanno i loro soldi, andranno "in fumo" (ma non sarà anche perché io investitore sono convinto di avere molti più "soldi magici" di quelli che ho? ho comprato i tulipani a 100 euro, ora vedo che valgono 10000 quindi ho centuplicato il valore, poi crollano a 50 e non percepisco di aver perso 50 euro, ma 9950 ?), ma una parte della ricchezza investita finirà comunque nelle tasche di qualcuno? Forse in quelle di chi ha venduto tulipani prima del crollo, come il tizio che mi ha venduto il quadro prima che si scoprisse che era falso, ma oltre a quello, chi altri? è possibile effettivamente che TUTTI perdano e che quindi TUTTI vedano il denaro andare "in fumo" ? (spesso la gente paragona la Borsa ai giochi d'azzardo, non a caso si dice "giocare in borsa", ma mi sembra molto più facile capire il gioco d'azzardo, perché si sa sempre dove finiscono i soldi persi: nelle tasche del banco. Nella Borsa non c'è il banco - e spero che qualcuno non inizi a blaterare "il banco sono loooooroooo, i poterih fortih". Forse è più semplice da capire perché il casino è un sistema chiuso, un gioco a somma zero se includi tra i giocatori anche il banco, mentre l'economia/finanza... boh?) -- 79.44.124.67 ( msg ) 10:39, 25 lug 2021 (CEST)

Gentile amico [ @ 87.2.25.5] , mi spiace che la questione sia ancora per te confusa (ovviamente, colpa mia per non essere stato abbastanza chiaro). Riproviamo in modo più schematico coi concetti fondamentali (anche se esposti in modo per forza di cose molto semplificato, ai limiti del semplicistico), e sempre nei chiari ed ampi limiti delle mie competenze:

  • "Valore". Contrariamente a quanto percepiamo comunemente, "valore" non è un concetto univoco e costante, ma è un concetto stimato, virtuale, variabile e indefinito. Per fare un esempio, un chilo d'oro ha valore zero per una persona che sta morendo di sete nel deserto, per il quale invece un litro d'acqua avrebbe un valore inestimabile. Oppure una fragola nella stagione delle fragole in un campo di fragole vale in termini di soldi poco o nulla, mentre la stessa fragola fuori stagione ed in un ristorante di gran lusso vale in termini di soldi un occhio della testa. Oppure un orologio Swatch comperato a pochi soldi negli anni '80, che nel momento d'oro del furore collezionistico anni '90 era valutato a centinaia di euro, adesso vale di nuovo quattro soldi. E così via. Per pura convenzione, il "valore" base, quello che permette di definire il valore di ogni altro tipo di beni e servizi, è rappresentato dal denaro, che è lo *strumento* utilizzato per quantificare il concetto di valore da un paio di migliaia di anni abbondanti. Dico "per convenzione" perché in realtà neppure il denaro ha un valore assoluto (varia a seconda dell'inflazione, delle svalutazioni, dei tassi di cambio, del PIL dei governi che garantiscono quella specifica valuta etc, la lista degli elementi *variabili* è enorme), ma per semplicità accettiamo la convenzione è diciamo che una banconota da 10 euro ha effettivamente un valore costante e definito (pari a 10 euro, ragionamento circolare per eccellenza ... 😉) . Invece un titolo azionario scambiato in borsa a 10 euro *non* "vale" 10 euro: gli viene attribuito *in quel momento* un valore interamente *stimato* con il quale viene per l'appunto *scambiato* con altri titoli a cui viene attribuito un valore stimato analogo, oppure con cui viene "trasformato" in un valore "vero" convertendolo il denaro contante. Ripeto: il titolo azionario *non* ha un valore definito costante nel tempo , la banconota lo ha.
  • "Capitalizzazione". Contrariamente a quanto percepito comunemente, e per i motivi che ho indicato nel punto precedente, la capitalizzazione di un titolo non indica quanto "vale" in modo costante e definitivo un titolo, ma semplicemente quanto denaro "vero" gli investitori hanno usato per acquistare qui titoli (ossia la loro *stima* del valore attuale di quel titolo) *e* quanto denaro *vero* gli investitori si aspettano di ricevere nel vendere quei titoli (ossia la loro *stima* del futuro valore di quel titolo) . Dal momento in cui hanno "scambiato" soldi *veri* in cambio di titoli azionari, quei "soldi veri" - di valore costante e definito - cessano di esistere, e torneranno a esistere solo nel momento in cui quei titoli azionari verranno nuovamente "scambiati" con altri "soldi veri". Ripeto: la capitalizzazione *non* indica un valore definito e costante, ma la *stima* del valore in "soldi veri" che gli viene attribuita dagli investitori al momento dell'acquisto e/o in prospettiva futura: non sono soldi, ma *stime e aspettative* di soldi.
  • "Fluttuazioni del mercato". Essendo basato su stime e previsioni, il valore di un titolo azionario è costantemente variabile. Una fabbrica quotata in borsa che produce da anni con altissimi fatturati ed altissimi profitti un bene considerato stabile e di uso generalizzato (quindi molto appetibile per gli investitori, e presumibilmente molto capitalizzata) potrebbe perdere praticamente per intero il proprio "valore" in dieci minuti se una autorità regolatoria o un governo intervenisse in modo penalizzante sul suo segmento di mercato (ad esempio, una fabbrica che produce motori diesel per autoveicoli qualora questi fossero improvvisamente proibiti per ragioni ambientali). Idem se il prodotto dell'azienda viene superato da nuove tecnologie (i "cercapersone" anni '80, cancellati dai telefoni cellulari), oppure se viene a mancare il cliente di riferimento (una fabbrica che produce componenti specifiche per un altra azienda, e quella azienda cessa la produzione). L'insieme di queste continue fluttuazioni, in positivo ed in negativo, piccole o grandi che siano, viene genericamente riassunto negli "Indici di borsa", riferiti ad ogni singolo mercato azionario. Quando una serie di diverse variabili economiche sfavorevoli si sommano tra di loro, alimentate da fattori oggettivi o da previsioni o da speculazioni o alle volte anche da puro e semplice panico, questi "Indici di borsa" possono registrate flessioni anche consistenti, e quindi il ricalcolo delle *stime e aspettative* che gli investitori hanno sulle prospettive di scambiare i loro titoli azionari con "soldi veri" porta ad un calo del "valore" della capitalizzazione. Ripeto: non cala il valore in *soldi veri* delle azioni, cala la *aspettativa" del loro valore di scambio con i soldi veri.

Quindi, quando sui titoli leggi "Bruciati 100 miliardi", devi leggere "Se tutti gli investitori decidessero contemporaneamente di scambiare i loro titoli azionari con soldi veri al valore in cui questi titoli sono stimati oggi, nel complesso di tutta la capitalizzazione azionaria della Borsa di XY si verificherebbe una perdita di 100 miliardi rispetto al valore complessivo che era stimato un anno fa". Il che è *totalmente* diverso dal dire che sono spariti per sempre 100 miliardi ... Basta che l'investitore *non* venda oggi (e magari già domani il valore delle sua azioni verrà stimato uguale o addirittura maggiore di quello "pre-crisi"), oppure che quelle azioni le abbia acquistate non un anno fa ma in altra data (pagandole all'epoca meno del valore che hanno oggi), o mille altre fattori (alcuni li ho accennati nel post precedente), e non avrà perso neanche un centesimo. Le variazioni sul totale della capitalizzazione di una Borsa sono un indice *tecnico*, molto importante per economisti e per chi in borsa ci lavora, ma *non* esistendo una relazione assoluta tra il "valore" di un titolo azionario (che è una *stima* variabile e istantanea) ed il *valore* di una banconota (che - nei limiti già indicati - è un parametro fisso e costante nel tempo) la conversione "calo nel valore di capitalizzazione di borsa oggi" = "hai perso tot soldi veri per sempre" è tanto assurda quanto ridicola. Ma, sottolineo nuovamente, parliamo di questioni implicitamente complesse e che vanno avvicinate con la mediazione di esperti veri, sia nell'informazione specializzata (non quella generalista, che è purtroppo sempre meno dedicata all'informazione e sempre più orientata all'intrattenimento ed alla comunicazione aziendale/istituzionale), sia nell'ambito professionale (e si parla di professionisti veri, non degli spacciatori di programmi finanziari "fai-da-te" sui telefonini, o gli Sciamani Cornuti che presidiano Facebook & Co.) ... quindi prendi tutto quello che ho scritto *sempre e comunque* cum grano salis ;) Saluti cordiali -- Arturolorioli ( msg ) 12:02, 25 lug 2021 (CEST)

Se però tutti gli investitori decidessero contemporaneamente di scambiare i loro titoli azionari con soldi veri al valore in cui questi titoli sono stimati oggi , gli investitori non riuscirebbero nei loro intenti perchè un aumento così drastico dell'offerta farebbe verosimilmente crollare il prezzo dell'azione, che non resterebbe uguale a quello odierno. Che i mercati finanziari siano complessi è cosa risaputa, proprio per questa ragione scrivere "sono stati bruciati X miliardi di dollari" non ha senso, nemmeno se riferito alla capitalizzazione di mercato, perché lascia intendere che sia andato distrutto irrimediabilmente qualche cosa che prima era stato creato (a meno che una azienda vada fisicamente in fiamme e il prezzo delle sue azioni crolli di conseguenza, allora in quel caso il titolo avrebbe un suo senso) . Qui non è una questione degli sciamani cornuti su Facebook, ma solo della noia per queste espressioni fatte di stampo giornalistico ormai logore. X-Dark ( msg ) 13:35, 26 lug 2021 (CEST)

Gentile amico [ @ X-Dark ] , non proprio. Non ho descritto una fattispecie concreta, ho solo tradotto in linguaggio corrente l'effettivo significato da dare al termine atecnico ed impreciso di "Bruciati 100 miliardi". E comunque, anche volendo andare nel dettaglio tecnico (ma ripeto, la mia era una perifrasi puramente descrittiva) la vendita in blocco di pacchetti azionari anche ingenti non solo è possibile, ma anche praticata con discreta frequenza: la conseguenza è ovviamente un secco crollo del prezzo del titolo "dumpato", ma se fatta con buona scelta di tempo, i software giusti ed in modo coordinato tra vari soggetti, gli investitori che si liberano del titolo scambiano al valore di *oggi* ... e lasciano il cerino in mano *domani* a chi resta con le azioni in mano. Ma, ripeto ancora, non ho parlato assolutamente di alcun intento pratico di fare operazioni di questo tipo. Detto questo, vedo che nella sostanza concordiamo pienamente, "Bruciati XXX Miliardi" è una terminologia atecnica e priva di senso. Riguardo all'uso del termine però, ribadisco che è improprio definirlo sbrigativamente "affermazione di stampo giornalistico": non facciamo di tutt'erba un fascio. Ci sono giornalisti incompetenti e pressapochisti, come in ogni altra attività umana, che lavorano in modo altrettanto incompetente e pressapochista, sia nei contenuti che nel linguaggio, ma ci sono *anche* giornalisti di grande qualità che si occupano di argomenti "tecnici" (finanza compresa) con altrettanta grande qualità, sia nella profondità dei contenuti che nella precisione del linguaggio. Basta leggere solo loro e soprattutto leggere i loro articoli senza fermarsi ai titoli (che nella maggior parte dei casi non vengono purtroppo fatti da chi scrive l'articolo ...). Saluti sempre cordiali -- Arturolorioli ( msg ) 20:21, 26 lug 2021 (CEST)

Grazie a tutti per gli approfondimenti, e mi raccomando non fumatevi i miliardi! (chi ce li ha...) -- 95.248.151.113 ( msg ) 22:39, 26 lug 2021 (CEST)

Versioni di Wikipedia con obbligo di registrazione

Ciao a tutti, per pura curiosità, esiste una lista delle versioni di Wikipedia che permettono di modificare le pagine solo agli utenti registrati? -- Syrio posso aiutare? 13:34, 22 lug 2021 (CEST)

Comportamento dei gatti (link a video in turco)

Premetto che non conosco molto i gatti. Perché questo (https:// youtu. be/ 96Fw6H0ZG84) gatto si comporta così con il veterinario? Non dovrebbe essere contento di ricevere le cure? Che se le curino loro le malattie allora!... -- 37.116.102.74 ( msg ) 17:43, 25 lug 2021 (CEST)

Il perché è così ribelle coi veterinari lo dice nel video, in passato si era rotto una zampa ed ha dovuto fare molte visite da diversi veterinari, ha quindi sviluppato una paura nei loro confronti e cerca sempre di scappare da loro. Nella sua ultima visita è riuscito a fuggire e sono riusciti a catturarlo solo grazie a una rete. Dopo aver sviluppato questa fobia, anche solo il percepire l'odore di un medicinale lo innervosisce a tal punto da fargli tirar fuori gli artigli e cercare di graffiare chiunque gli si avvicini. A causa di ciò anche solo fare le consuete vaccinazioni è un lavoro duro, per questo i padroni lo hanno portato dal veterinario del video, che a quanto pare è un esperto nel trattare gatti "ribelli".-- 87.18.114.98 ( msg ) 19:35, 25 lug 2021 (CEST)
I gatti sono animali piuttosto intelligenti, ma da qui a capire che essere chiusi nel trasportino, portati in giro contro la propria volontà ed emergere solo per essere dati in mano a uno sconosciuto che li manipola e li punzecchia "è per la loro salute" ce ne corre. Anche il mio gatto è nervoso quando deve andare dal veterinario, e considera che fa solo una visita all'anno per la vaccinazione. Poi, parlando di intelligenza... Gli umani dovrebbero in teoria essere più intelligenti dei gatti, ma quanti umani adulti hanno terrore degli aghi, degli ospedali o dei medici, specie dei dentisti? Non parliamo poi dei no-vax... -- 95.248.151.113 ( msg ) 22:36, 26 lug 2021 (CEST)
A prescindere da tutto il resto, "Che se le curino loro le malattie allora!..." invece di "Che se le curi lui le malattie allora!..." e` un semplice lapsus digitandi oppure sottintende qualcosa? 151.29.19.73 ( msg ) 02:01, 27 lug 2021 (CEST)

Massimiliano Allegri e Aurelio Andreazzoli

Nelle rispettive carriere leggo che nel 2001 hanno giocato (Allegri) e allenato (Andreazzoli) nell'Aglianese. Quello che mi domando è: Andreazzoli ha allenato Allegri, o sono arrivati in periodi diversi? -- 37.116.102.74 ( msg ) 11:17, 29 lug 2021 (CEST)

Andreazzoli non ha allenato Allegri: Andreazzoli è stato sostituito il 14 giugno 2001, mentre Allegri (fonte: https://www.transfermarkt.it/massimiliano-allegri/transfers/spieler/163501 ) è arrivato all'Aglianese l'1 luglio 2001. -- {{u| Carlos-Signs }} 12:32, 29 lug 2021 (CEST)

Interpretazione sogno

Stanotte ho sognato la mia prima “quasi” compagna (o fidanzata, a seconda dei punti di vista), eravamo mano nella mano in giro per la città, e mi sentivo felice. Che interpretazione date a questo sogno? -- 176.201.222.161 ( msg ) 18:55, 29 lug 2021 (CEST)

  • L'inconscio , nei sogni si scava nel profondo, anima mente e cuore , le spiegazioni possono dartele questi tre elementi -- Il buon ladrone 18:59 , 29 lug 2021 (CEST)
Io sogno cose molto più bizzarre. Quando le racconto a mia moglie (ha studiato un po' di psico-cose ma poi ha interrotto) e le chiedo "cosa significa?" risponde sempre "che sei tonto"! :) -- 82.60.59.77 ( msg ) 21:22, 29 lug 2021 (CEST)
Per fare della psicologia spicciola, sognare un ex amore può significare che si è pronti a iniziare una nuova storia: [2] . Per fare della psicologia un po' più seria, per interpretare correttamente un sogno è necessaria una conoscenza un po' approfondita della persona e delle sue tematiche, e perciò non si può fare all'Oracolo :-) -- Agilix ( msg ) 17:44, 1 ago 2021 (CEST)
Avranno franteso il significato di "Oracolo" :D -- 82.54.120.163 ( msg ) 17:09, 2 ago 2021 (CEST)

Acqua ruvida

Buongiorno Oracoli. Ma perché dopo che ci si è insaponati le mani con del comune e normale sapone, quando le si risciacqua sotto l'acqua del rubinetto è come se l'acqua diventasse "ruvida"? È una sensazione come di attrito, e succede ovunque e non solo con i rubinetti di casa mia. Grazie -- 84.33.88.22 ( msg ) 07:30, 30 lug 2021 (CEST)

Tipo la sensazione di avere le mani non più ricoperte da un sottile strato di grasso, che magari, chissà, il sapone può aver rimosso? Molto strano. -- Captivo ( msg ) 12:06, 30 lug 2021 (CEST)
No! Non hai capito. Mani pulite, metti la mano sotto l'acqua del rubinetto, la togli, nulla. Mano pulita, passi il sapone, risciacqui, senti attrito. La stessa cosa NON succede con le acque addolcite (ovvero senza calcare), perché?-- 93.32.215.46 ( msg ) 13:04, 30 lug 2021 (CEST)
Sono in vacanza quindi non dispongo di mezzi comodi per verificare quanto sto per dire. Ma soprattutto non ne ho proprio voglia. Quindi accetta la mia ipotesi empirica da chimico.
Un sapone in sostanza sarebbe il sale di sodio o di potassio di un acido grasso.
L'acqua comunemente contiene ioni calcio (appunto il calcare è carbonato di calcio) e magnesio, cationi notoriamente deleteri per i saponi tradizionali; perché? Avviene una reazione di doppio scambio , che porta alla formazione dei sali di calcio e magnesio degli acidi grassi, i quali sono insolubili in acqua e precipitano. È per questo che in gran parte dei detersivi si cerca di usare il più possibile tensioattivi non ionici (quindi non i saponi tradizionali che ho appena citato), altrimenti a lungo andare si impataccano le lavatrici.
Quindi presumo che il senso di ruvido e attrito che senti è dovuto alla precipitazione del sapone come sale di calcio e magnesio, cosa che non avviene nelle acque addolcite in quanto calcio e magnesio (e altri cationi bivalenti) vengono tolti e sostituiti con del sodio.
Spero di averti chiarito il dubbio
Chiedo scusa ma sto usando l'app di Wikipedia e non so come si fa a firmare. Questo commento senza la firma utente è stato inserito da 2.236.9.213 ( discussioni · contributi ) 17:16, 30 lug 2021 (CEST) .

Apple Maps

In questa pagina, è riportato l'elenco delle città dove si trovano le auto di Apple per la mappatura, un servizio simile a Google Street View. Poi quando le immagini saranno disponibili, in quale sito sarà possibile vederle? -- 5.169.162.135 ( msg ) 20:28, 1 ago 2021 (CEST)

«Mappe Apple [...] di supporto alla funzione Panoramica» -- Rojelio (dimmi tutto) 20:47, 1 ago 2021 (CEST)

Impedimenti della putrefazione

Buongiorno, spero di non disturbare, vorrei sapere quali sono i processi che impediscono la putrefazione senza distruggere le cellule, per favore. Infatti, avevo fatto una bozza di un processo per fare qualcosa in un futuro lontano a favore delle persone decedute (a base del smantellamento del cervello in neuroni in permanenza eccitati individualmente dal computer) ma è necessario per questo che il cervello sia intatto ... -- 37.165.0.6 ( msg ) 14:22, 4 ago 2021 (CEST)

Procrastinazione

Il motivo dell'oggetto è che è dal 2012 che ho questo dubbio e voglio fare questa domanda all'Oracolo. Oggi mi sono deciso. Vorrei sapere come si pronuncia Basseterre , la capitale di Saint Kitts e Nevis . -- 62.211.227.251 ( msg ) 19:35, 5 ago 2021 (CEST)

Più o meno bestèr . Nella pagina inglese c'è la traslitterazione nell' alfabeto fonetico internazionale , che è /bæsˈtɛər/. -- Agilix ( msg ) 20:03, 5 ago 2021 (CEST)
Vedi anche questi video (circa 2.50) su Youtube . -- Syrio posso aiutare? 21:28, 5 ago 2021 (CEST)
In effetti la prima vocale è a metà tra la ae la e. è un suono che non esiste in italiano. -- Agilix ( msg ) 13:13, 6 ago 2021 (CEST)

Cabine/centraline elettriche

Ciao a tutti! Qualcuno sa dirmi come si chiamano (se c'è una voce qui, o su en.wiki, o una categoria su Commons, un elemento su wikidata, qualunque cosa) su edifici tipo questo o questo ? Non so neanche bene come inquadrarli, quella del mio paese la chiamano "la cabina" ed è una vecchia cabina dell'Enel con dentro boh, un trasformatore? O altra roba elettrica. -- Syrio posso aiutare? 21:23, 5 ago 2021 (CEST)

Per prima cosa ti ringrazio per avermi risposto alla domanda su Basseterre; può essere una Cabina secondaria ? -- 62.211.227.251 ( msg ) 07:47, 6 ago 2021 (CEST)
Io le ho sempre sentite chiamare cabine di trasformazione e/o cabine di distribuzione 151.29.81.52 ( msg ) 16:59, 6 ago 2021 (CEST)
Su quela vicino a casa mia c'e' la targa "CABINA MB" dove MB dovrebbe stare per Media-Bassa 151.29.81.52 ( msg ) 17:46, 7 ago 2021 (CEST)
Grazie! :) -- Syrio posso aiutare? 09:41, 8 ago 2021 (CEST)

Bandiera della Settima Federativa

-- Betelgeuse2003 ( msg ) 16:17, 6 ago 2021 (CEST) Buongiorno È risaputo che, dopo la Seconda Guerra Mondiale, la Jugoslavia, desiderasse annettere Trieste, venne proposta la creazione di una Repubblica Socialista della Venezia Giulia. Tempo addietro, lessi che venne disegnata anche una bandiera per questa eventuale entità. Il progetto non ebbe seguito, ma esistono immagini, o descrizioni di questa bandiera? Betelgeuse2003 ( msg ) 16:17, 6 ago 2021 (CEST)

Silenziare notifiche Telegram

Chiedo qui perché su Google non sono riuscito a trovare la risposta (a dire il vero non ho trovato neanche la domanda). Su Android WhatsApp dà la possibilità di silenziare le chat di modo che all'arrivo di un messaggio compaia l'icona dell'app in alto ma non vi sia una notifica sonora. La domanda è: c'è un modo di fare la stessa cosa con Telegram ? Ho infatti provato a silenziare delle chat ma a differenza di WhatsApp questa disattiva sia il suono sia la comparsa della notifica, il che è eccessivo per quello che cerco. Grazie. -- Matafione ( msg ) 11:15, 7 ago 2021 (CEST)

Dormire come Raquel Welch

Negli ultimi 20 non più, ma un tempo sentivo spesso il modo di dire che uno "dorme come/più di Raquel Welch". Anche in un film viene detto che Fidel Castro dorme più di Raquel Welch. Ma com'è venuto fuori questo modo di dire? Perché si ritiene che Raquel Welch dorme tanto? -- 93.45.167.154 ( msg ) 13:37, 7 ago 2021 (CEST)

Che film era in cui dicevano questa battuta? Magari può aiutae. Io non l'ho mai sentita, so solo che sguazzava :) -- 87.15.121.202 ( msg ) 14:55, 7 ago 2021 (CEST)
Nati con la camicia , ma dubito che possa servire era solo in una battuta. Ma questo detto di dormire piú della Welch lo sentivo dire da parecchi, pensavo che tornasse la cosa-- 93.45.129.168 ( msg ) 12:09, 8 ago 2021 (CEST)

Saponette di acciaio che tolgono gli odori

Ciao Oracolo, come va?

Si trovano in vendita delle "saponette di acciaio", corpi oviformi in acciaio le quali, stando a chi le vende ea quanto si legge su internet, strofinandocisi le mani sotto l'acqua corrente, un po' come si farebbe con una saponetta vera, ti tolgono i cattivi odori dalle mani.

Ora, stando al brevetto ea quello che leggo su internet, l'acciaio usato è l'1.4301 al 18% di cromo e al 10% di nichel, ovvero il comune acciaio usato per gli utensili da cucina (fonte: ricerca su Google e pdf dell'acciaieria di Terni), quindi direi che lo stesso effetto potrei ottenerlo utilizzando il mestolo o la ciotola in acciaio che già ho in cucina.

Arrivando al dunque, io sono qui all'Oracolo per chiedere: l'acciaio è davvero in grado di togliere così efficacemente gli odori dalle mani? O è solo aria fritta? Grazie mille -- 79.24.152.53 ( msg ) 11:41, 10 ago 2021 (CEST)

Sì, è normale acciaio inox: la sagoma tondeggiante serve unicamente per renderla più facile da maneggiare e sfregare.
Non posso confermare se funzioni (non cucino granché), ma come correttamente osservi si può provare con un mestolo e verificare. Bressanini , per esempio, scrisse qualche anno addietro che per sua esperienza «l'acciaio del lavello pare funzionare egregiamente» . -- Rojelio (dimmi tutto) 12:20, 10 ago 2021 (CEST)
Una decina di anni fa ho svuotato la cantina di un informatore scientifico del farmaco appena morto e il gadget pubblicitario di un medicinale era appunto una di queste saponette. Una amica col marito pescatore e' stata felicissima perche` toglie l' odore del pesce e me ne ha chieste per le amiche. quindi funziona. secondo lei preme la pelle e fa uscire quello ce si trova nei pori. io NON cucino pesce. 151.29.22.160 ( msg ) 17:55, 10 ago 2021 (CEST)

Titanic

Dopo aver letto questa notizia, una domanda mi sorge spontanea: è ancora possibile entrare all'interno e girare per le sale/corridoi/camere o gli ingressi sono bloccati? -- 62.19.237.177 ( msg ) 18:18, 10 ago 2021 (CEST)

Il relitto si trova a parecchie migliaia di metri sott'acqua, a quelle profondità si può scendere solo con batiscafi o sommergibili scientifici che non possono certo entrare nel relitto sia per le dimensioni che per problemi di manovrabilità e soprattutto per questioni di sicurezza. Con un ROV (una specie di minisommergibile filoguidato senza equipaggio) forse si potrebbe anche ma a grave rischio di perderlo.-- Etrusko25 ( msg ) 18:35, 10 ago 2021 (CEST)
Al di là di tutto, non è che devi ripetere la stessa domanda fatta un giorno prima solo perché in 24 ore non hai ancora ricevuto una risposta. Pazienta un po', c'è chi la risposta la riceve dopo giorni-- 146.241.194.248 ( msg ) 08:47, 11 ago 2021 (CEST)

Differenza di potenziale elettrico

La differenza di potenziale elettrico tra due punti A e B è uguale al campo elettrico per la distanza tra i due punti. Ma il valore del campo elettrico da considerare è il valore in A o in B?-- 84.221.143.166 ( msg ) 00:55, 11 ago 2021 (CEST)

Temo che la faccenda sia un pochino più complessa di come la immagini. :-)
Quello che riporti non è il metodo generale per calcolare la ddp, bensì la versione estremamente semplificata che vale solo in un caso molto preciso, ovvero quello in cui:
  • il campo elettrico è costante (ovvero è rappresentato dallo stesso identico vettore in ogni punto dello spazio)
  • il campo elettrico è perfettamente allineato con lo spostamento AB.
In tale scenario, ovviamente, non ha importanza chiedersi se si tratti del valore di campo elettrico in A o in B... proprio perché è uguale ovunque, non importa.
La definizione più generale, invece, è diversa: dividi la linea che congiunge A con B in tanti piccoli pezzi (così piccoli da poter considerare che su ciascuno di essi il campo elettrico sia praticamente costante) e applichi la moltiplicazione di cui parlavi a ciascun pezzetto; ognuno produce un suo contributo (piccolo, perché la distanza tra inizio e fine di ogni pezzo è piccola), e la somma di tutti i contributi è la differenza di potenziale complessiva.
Nel caso tu voglia approfondire ulteriormente:
  • La "moltiplicazione" di cui abbiamo fin qui parlato è, più precisamente, un prodotto scalare , ovvero una particolare moltiplicazione tra vettori il cui risultato è un numero reale; un modo comune di indicare il prodotto scalare tra un campo elettrico e uno spostamento è
  • Indicando con S lo spostamento complessivo tra A e B, e con i frammenti arbitrariamente piccoli (infinitesimi, tendenti a zero) in cui viene suddiviso, il calcolo sopra descritto è un "integrale di linea" e si scrive .
  • Solo nel caso particolare in cui E è costante ovunque, può essere "portato fuori" dall'integrale: ; l'integrale degli spostamenti infinitesimi è lo spostamento totale, e la formula si riduce a . Per definizione del prodotto scalare , il suo valore è , dove è l'angolo tra i due vettori. Nel caso ancora più particolare in cui i due vettori sono perfettamente allineati (angolo pari a zero), quel coseno vale 1 e la differenza di potenziale viene uguale al prodotto "semplice" tra campo elettrico e spostamento che inizialmente citavi.
-- Rojelio (dimmi tutto) 04:13, 11 ago 2021 (CEST)
Perdonami Rojelio, ma mi sembra che la domanda sia la classica da liceale che si approccia per la prima volta all'elettromagnetismo. Per semplificare un po' il discorso (correttissimo) fatto sopra, diciamo che ho due punti e nello spazio. Supponiamo un campo semplice, come quello generato da una carica singola o da una distribuzione uniforme di cariche (tipo un condensatore o un filo carico) e non uniforme, con valore nei punti ed rispettivamente. SE i due punti sono allineati (ossia, se i due punti giacciono sulla stessa linea di forza del campo) la formula è molto semplice: . Bada che così calcoli solo il modulo, il segno dipende dal verso in cui stai calcolando la differenza. Questo è il caso più semplice possibile, ovviamente se intervengono altro fattori (campo non uniforme o costante, punti non allineati...) le formule si complicano nei modi descritti sopra da Rojelio. -- Zoro1996 ( dimmi ) 08:14, 11 ago 2021 (CEST)
[ @ Zoro1996 ] Ti perdono, ma solo se riesci a fornire una risposta che sia al contempo semplice ma anche corretta . ;-) La tua "formula molto semplice" è, purtroppo, anche molto errata: afferma implicitamente che in un campo elettrico uniforme (E A =E B ) la ddp dovrebbe sempre essere nulla per qualsiasi coppia di punti... che è palesemente falso. -- Rojelio (dimmi tutto) 13:54, 11 ago 2021 (CEST)
[ @ Rojelio ] Sì, mi sono accorto della cretinata cinque minuti dopo di averla scritta, ma non avevo possibilità di modificarla... Mi aveva fregato il fatto di avere solo tre dati (due campi più la distanza), servirebbe almeno la distanza dei due punti dalla sorgente per avere la risposta corretta, o la condizione di campo uniforme. -- Zoro1996 ( dimmi ) 15:08, 11 ago 2021 (CEST)
Ok, grazie mille a entrambi.-- 84.221.143.166 ( msg ) 09:50, 11 ago 2021 (CEST)

Generare una ddp

Ispirato a chi mi ha preceduto qui sopra, volevo chiedere come si genera una differenza di potenziale.

Ho posto prima la domanda e poi faccio il discorsone per evitare di incasinarvi perché in realtà ho una confusione in testa che non vi dico. Spiego: una pila ha un polo più e un polo meno, al polo meno avviene una reazione chimica che butta fuori elettroni, al polo più una reazione chimica che risucchia elettroni e in mezzo c'è tutto il circuito in cui gli elettroni passano e fin qui ci sono. A parte che non so come si è arrivati a quantifica con 1,5 V la differenza di potenziale tra il polo meno e il polo più, ma in generale nell'universo si vengono a formare differenze di potenziale anche in altre situazioni e di certo senza una pila all'origine. La presa di corrente di casa ha una ddp di 220 V, si forma una ddp tra il cielo e la terra quando cadono fulmini, nel nostro corpo si formano ddp, ci sono anche scatole che si attaccano alla presa della corrente e tu puoi regolare la ddp in uscita etc. Una ddp da quello che ho capito leggendo qui sopra si ha quando c'è un campo elettrico, da una parte ci deve essere un plus di cariche negative, dall'altra un minus di cariche negative.

In tutti questi casi, anche in fenomeni naturali non ad opera dell'uomo, come si generano queste differenze di cariche negative (sià in penuria da una parte, sia in eccesso dall'altra) che portano a un campo elettrioc, quindi a una ddp?

Grazie, perdonate la mia ingoranza


-- 79.46.241.106 ( msg ) 09:15, 11 ago 2021 (CEST)

Per i fulmini, vedi la voce Fulmine . -- Meridiana solare ( msg ) 11:59, 11 ago 2021 (CEST)
Serve un apporto di energia, ovvero qualcuno o qualcosa che faccia un lavoro (nel significato fisico di lavoro ).
Per creare un campo elettrico a partire da una situazione iniziale in cui tutto è "neutro" devi riuscire a separare cariche negative e positive (ovvero gli elettroni e gli atomi, ora ioni positivi, da cui li hai "strappati") e allontanarle contro la loro naturale tendenza a tornare assieme (la forza attrattiva tra cariche opposte). Uno spostamento (l'allontanamento) in senso opposto a una forza (l'attrazione) è praticamente la definizione di un "lavoro negativo": qualcosa ha "speso energia" per separarle.
In effetti, la differenza di potenziale (quando moltiplicata per la quantità di carica che stai spostando) è esattamente la misura di quel lavoro: spostare una carica verso un potenziale più alto richiede consumo di energia, mentre lasciare che la carica torni verso un punto di potenziale più basso (secondo la sua tendenza naturale a seguire il campo elettrico) restituisce indietro quell'energia... che è esattamente ciò che facciamo quando sfruttiamo la corrente elettrica che fluisce da un punto ad alto potenziale a uno a più basso potenziale per alimentare un circuito o un motore.
Da dove venga l'energia iniziale, quella che ha consentito la separazione delle cariche (ovvero chi ha "alimentato" la differenza di potenziale rendendola possibile) può cambiare tantissimo:
  • nella pila è l'energia chimica accumulata negli elettroliti al suo interno;
  • nella rete elettrica cittadina è l'energia usata per tenere in rotazione la turbina della centrale elettrica (un lavoro meccanico convertito in energia elettrica dalla turbina stessa, che è una dinamo );
  • nelle nuvole (come spiegato dalla summenzionata voce fulmine ) è lo sfregamento meccanico delle particelle in aria (motivo per cui i temporali sono più comuni in estate, e tendono a diventare mediamente più intensi con il riscaldamento globale: più calore significa più energia nell'atmosfera, sbalzi di temperatura più marcati, venti più forti, e sfregamento più forte);
  • nelle cellule, le pompe ioniche separano ioni di carica opposta dentro e fuori dalla membrana, spendendo l'energia accumulata nelle molecole di ATP , che a loro volta sono state prodotte usando l'energia ottenuta dalla digestione dei nutrienti ( respirazione cellulare )...
-- Rojelio (dimmi tutto) 14:32, 11 ago 2021 (CEST)

Ping

Sommi Oracoli. Perdonate la lungaggine della domanda, il cui titolo più corretto sarebbe stato "ignorante che gioca col prompt" ma pazienza. Divulgherò degli IP di siti famosi, ma non credo che sia una violazione di privacy visto che chiunque può trovarli come ho fatto io.

Allora, premetto che so fare questa cosa perché il mio vicino di banco nelle ore di informatica di prima superiore me lo ha insegnato, così per sorprendermi, ma sono talmente negato in informatica che basta poco per stupirmi in quel campo; Si apre il prompt dei comandi, digitando "cmd" sul menù start, e si scrive "ping google.com". Arrivano delle risposte dall'IP 142.250.184.46. Andando poi sul browser e inserendo nella barra di navigazione "142.250.184.46", magia magia si apre google. Il famoso vicino di banco mi disse che il ping non fa altro che svelarti l'IP in cui si trova il server del sito internet, cosa che il browser fa normalmente grazie ai DNS, e se voglio nel browser posso benissimo usare l'IP al posto dell'indirizzo internet www.etc etc. Effettivamente funziona anche se faccio "ping ansa.it", mi da "46.4.22.185" che se inserisco nel browser mi apre la homepage dell'ansa.

Arriva il turno di wikipedia, faccio "ping it.wikipedia.org" e mi arriva come risposta "91.198.174.192". Ma inserendo "91.198.174.192" nel browser (e vi invito a farlo) mi si apre una pagina della Wikimedia Foundation con scritto "Error". Penso che è colpa mia, che non ho specificato con esattezza quale pagina di wikipedia volevo aprire, allora scrivo "ping it.wikipedia.org/wiki/Pagina_principale" ma mi dice che è impossibile trovare l'host. Ad affossare ancora di più la meraviglia del ping è stato con il Corriere della Sera : faccio "ping corriere.it", esce "185.53.36.36" che se digitato nel browser (vi invito a fare pure questo) mi porta a una pagina bianca con scritto "KO".

Infine, perché non sono contento e dovevo spingermi oltre, penso che pure io sto navigando con un indirizzo IP, in questo momento 95.232.153.154. Provo, mi connetto con il pc all'hotspot wi-fi del cellulare che ovviamente non ha l'IP 95.232.153.154, e se faccio "ping 95.232.153.154" mi arrivano delle risposte! E pure molto rapide! Allora penso che il mio IP, o meglio il mio router, è un po' come un sito internet, ma se vado nel browser (sempre connesso all'hotspot del cellulare) e digito 95.232.153.154 non succede nulla, mi da errore.

Cos'è veramente il ping? Perché certi siti si aprono inserendo l'IP nel browser e altri come il corriere e wikipedia no? E perché il mio IP da una risposta al ping ma se lo inserisco nel browser non si connette al mio router? Grazie, un caro saluto -- 95.232.153.154 ( msg ) 14:55, 11 ago 2021 (CEST)

La confusione nasce dal fatto che stai mettendo insieme due concetti distinti. Provo a riassumere il più possibile (purtroppo c'è comunque tanta carne al fuoco).
  • Ogni computer collegato in rete ha un IP. L'IP di un computer è l'unica informazione necessaria per potergli spedire messaggi.
  • Dentro ogni computer possono girare molti programmi che comunicano via rete. L'IP da solo, quindi, non basta: i messaggi devono anche indicare a quale programma (in gergo si dice più comunemente "a quale servizio ") intendono parlare. È analogo agli indirizzi stradali: ogni edificio ne ha uno, e quello basta e avanza al postino per portare le lettere fino all'edificio giusto, ma poi serve anche il nome o il numero di interno del destinatario per sapere a chi va consegnata dentro all'edificio. Nella prosecuzione userò la sintassi "46.4.22.185:ping" per indicare un messaggio che riporta di essere destinato a quell'IP e a quello specifico servizio. Tu questa informazione non la vedi praticamente mai, perché ogni programma che usi (il comando "ping", il browser, il programma di posta elettronica...) sa già lui come indicare con quale servizio desidera parlare, senza che glielo debba dire tu.
  • Il "ping" è uno di quei servizi: accetta un unico tipo di richiesta (che corrisponde in pratica alla domanda "sei vivo?") e ha un'unica possibile risposta ("sì"). :-)
  • Il DNS è un altro servizio: attende domande del tipo "a chi corrisponde il nome X?" e risponde (se quel nome è conosciuto) con il corrispondente indirizzo IP. Nel gergo di rete, quel "nome" è chiamato host o hostname .
Nota: il comando per interrogare il DNS (e nient'altro) è "nslookup ansa.it". Il comando "ping" ti dice l'IP perché è comunque un dettaglio interessante, ma in senso stretto non è il suo scopo.
Quando scrivi "ping ansa.it" quello che succede in pratica è:
  • Il tuo computer usa il servizio DNS per chiedere chi sia "ansa.it" -> il DNS risponde "46.4.22.185".
  • Il tuo computer manda un messaggio a 46.4.22.185:ping.
  • Se quell'IP è assegnato a un computer acceso e funzionante, il suo servizio "ping" riceve il messaggio, risponde, e quando la risposta arriva di ritorno a te ti conferma che quel computer è vivo. Se passa abbastanza tempo senza ricevere risposta (in gergo, "va in timeout") deduce che a quell'indirizzo IP non corrisponde nessuno (forse è un errore del DNS; o forse quel computer è spento o guasto).
Un "sito" è un altro servizio ancora (lo chiamerò "web"), ed è quello a cui si rivolge il browser. Le richieste per il servizio "web" sono più complesse di quelle per "ping"; in particolare, devono indicare anche quale pagina del sito vuoi visualizzare. Quando nel browser visiti "ansa.it" (più correttamente sarebbe " http://ansa.it/ "), il browser:
  • Usa il DNS per sapere chi sia "ansa.it" -> identico a prima, "46.4.22.185".
  • Manda una richiesta a 46.4.22.185: web (servizio diverso), chiedendo «dammi la pagina "/" del sito ansa.it »; se tutto funziona correttamente, il server risponde con il contenuto della homepage, che il browser ti mostra sullo schermo.
  • Nota come la richiesta dice esplicitamente "del sito ansa.it": un server può gestire tanti siti, quindi non basta dirgli quale pagina vuoi, bisogna anche dirgli il nome del sito (l'hostname).
E qui sta la fregatura: quando scrivi nel browser l'indirizzo IP, anziché il nome del sito, il browser riesce tranquillamente a contattare il server, manda la richiesta a 46.4.22.185:web, ma nella richiesta dice di volere la pagina "per il sito 46.4.22.185".
Evidentemente il server dell'Ansa gestisce solo ed esclusivamente il sito ansa.it, quindi è in grado di darti la pagina corretta anche se la tua richiesta non dice esplicitamente "ansa.it"; negli altri casi, invece, stai parlando con un server che gestisce molti siti, e quindi non sa cosa risponderti se la tua richiesta non nomina esplicitamente il sito che volevi. Come viene comunicato questo errore dipende dal server, quindi è normale vedere messaggi diversi per siti diversi.
Infine:
  • "ping it.wikipedia.org/wiki/Pagina_principale" non ha significato: per il servizio "web" quell'indirizzo ha senso (il browser lo trasforma in una richiesta per la pagina "/wiki/Pagina_principale" del sito "it.wikipedia.org"), ma il ping non ha idea di cosa sia una pagina. Ping pensa che quello che hai scritto, tutto intero, sia l'hostname, e chiede al DNS l'indirizzo IP di "it.wikipedia.org/wiki/Pagina_principale"... e giustamente il DNS risponde "host non trovato/sconosciuto".
  • Nelle reti domestiche è normale usare un sistema noto come NAT ; riassunto all'estremo, il tuo router ha due indirizzi IP: uno "pubblico" e visibile al resto del mondo, e uno "privato" usato per comunicare all'interno della rete locale. Quello che chiami "il tuo IP", quindi, è in realtà l'IP pubblico del tuo router, e che riesci a raggiungere con il ping quando ti trovi fuori dalla rete locale (tramite l'hotspot del cellulare).
  • Quasi tutti i router moderni hanno anche un piccolo servizio "web" per consentire la configurazione, ma per motivi di sicurezza si rifiutano di rispondere alle richieste "web" che vengono dall'esterno tramite il suo IP pubblico, e rispondono invece solo a quelle che vengono dall'interno tramite IP privato.
Puoi usare il comando "ipconfig /all" per trovare l'IP interno del router (viene riportato come "Default gateway" o "Gateway predefinito"; indirizzi "classici" sono quelli che iniziano per "192.168", tipo 192.168.0.1, o 192.168.1.1): se usi quello, collegato al wifi locale, è molto probabile che il router risponda senza problemi.
-- Rojelio (dimmi tutto) 17:13, 11 ago 2021 (CEST)

Pera Phone

Esiste davvero il Pera Phone? Su YouTube si possono trovare video di Youtuber che lo tengono in mano... -- 62.19.237.177 ( msg ) 18:29, 12 ago 2021 (CEST)

Se intendi questo si tratta di una parodia dei prodotti elettronici di una nota marca il cui nome ricorda una mela apparsi in alcune serie tv. Non sono reali prodotti funzionanti. Quelli mostrati in alcuni video su youtube potrebbero essere semplici smartphone di altre marche inseriti in una custodia a forma di pera. -- Postcrosser ( msg ) 18:38, 12 ago 2021 (CEST)
Come spieghi il fatto che le icone sono posizionate seguendo la forma? -- 62.19.237.177 ( msg ) 18:47, 12 ago 2021 (CEST)
Molto semplicemente, quelli sono finti. Non sono veri telefonini funzionanti, ma repliche di quelli visti nelle serie tv con le varie icone disegnate. -- Postcrosser ( msg ) 18:57, 12 ago 2021 (CEST)

ubunto 20

premetto che sono un dinosauro che col computer e` rimasto agli anni 90

la macchina ha fatto quasi-crash el' hanno risistemata velocemente prima di chiudere per ferie fino a fine mese. UBUNTU 17 e` diventato UBUNTU 20. Nulla funziona come ero abituato, ma la cosa piu` urgente e` questa.
creo una directory e con date creo i quattro files "1", "A", "a" ed "=" (i nomi, ovviamente, NON contengono le ").
in bash il comando "ls [AZ]" mostra solo il file "A", come era sempre avvenuto in tcsh.
in tcsh questo comando mostra i tre files "1", "=" ed "A".
questo comportamento di tcsh si verifica sia con $LANG non settato che settato a C, POSIX ... e lo stesso vale per $LC_ALL.

-- 151.29.22.160 ( msg ) 09:36, 14 ago 2021 (CEST)

problema parzialmente risolto: chi mi ha riparato il computer mi ha dato siti apt che scaricano la versione difettosa 6.21 invece della corretta 6.22. Sa qualcuno darmi l' indirizzo giusto? Se qualcuno ha tcsh-6.21 deve stare attento che se la versione ha questo difetto rm [CZ]* distrugge con il range char(0)-Z 151.29.22.160 ( msg ) 23:44, 15 ago 2021 (CEST)

Titoli di coda

In praticamente tutti i film americani, alla fine dei titoli di coda appare sempre un disegno che è un ovale orizzontale con al centro una specie di rosa camuna. Cos'è quel simbolo e perché ce l'hanno tutti i film USA? -- 82.48.185.42 ( msg ) 15:24, 14 ago 2021 (CEST)

Mi sembra di capire che intendi questo:Motion Picture Association of America -- Elwood ( msg ) 15:29, 14 ago 2021 (CEST)
La parte centrale che 82.48.185.42 ha scambiato per la rosa camuna è palesemente una pizza di pellicola , ma perché il logo è ovale/ellittico? -- 87.5.126.163 ( msg ) 18:29, 21 ago 2021 (CEST)
È una proiezione di Mollweide : il logo della MPA è spesso descritto come "globe and reel" (globo e bobina). -- Rojelio (dimmi tutto) 20:40, 21 ago 2021 (CEST)

Brano di Renato Zero

È vero che potrei consultare Discografia di Renato Zero , ma se lo chiedo qui, impiego meno tempo. In quale anno è uscito l'album che contiene il brano “Lui chi è?”? -- 62.19.237.177 ( msg ) 18:50, 14 ago 2021 (CEST)

Sì, ma se provavi tu, avevi un bel da cercare, perché Lui chi è semplicemente non esiste :-) Immagino invece che tu ti riferisca a Triangolo che è contenuto nell'album Zerolandia del 1978. -- Lepido ( msg ) 19:04, 14 ago 2021 (CEST)
Grazie e scusa per l'errore... XD -- 62.19.237.177 ( msg ) 20:27, 14 ago 2021 (CEST)

Creazione nuovi comuni italiani con meno di 10.000 abitanti: possibile?

Mentre consultavo le ultime variazioni riguardanti i comuni italiani, ho scoperto che quest'anno per ora non ci sono state nuove fusioni, ma al contrario c'è stata l'istituzione del nuovo comune di Misiliscemi per scorporo dal comune di Trapani . Quello che mi sorprende di più, però, è il fatto che il neonato comune abbia meno di 10.000 abitanti (per la precisione 8.669). Io mi ricordavo che in base all'articolo 15 comma 1 del Testo Unico degli Enti Locali (TUEL) c'è scritto che: " Salvo i casi di fusione tra più comuni, non possono essere istituiti nuovi comuni con popolazione inferiore ai 10.000 abitanti o la cui costituzione comporti, come conseguenza, che altri comuni scendano sotto tale limite. " (vedi qui ). Tra l'altro, anche nel caso simile del comune di Mappano (istituito nel 2013 ma operante solo dal 2017) il numero di abitanti era (ed è tuttora) inferiore ai 10.000 abitanti. Cos'è che mi sfugge? C'è qualche altra norma che scavalca quella del TUEL oppure quel comma va interpretato in maniera diversa? Grazie. -- Mess 15 here! (since 2006) 11:33, 16 ago 2021 (CEST)

[ @ Mess ] Non saprei dare una risposta, ma ho 2 dubbi che potrebbero aiutarti. Per il caso di Misiliscemi, quell'articolo vale anche per le regioni a statuto speciale (Sicilia)? Per il caso di Mappano (che è in Piemonte), quando è stato introdotto quell'articolo? C'era già nel 2013? -- Meridiana solare ( msg ) 13:11, 16 ago 2021 (CEST)
[ @ Meridiana solare ] Il TUEL vale per tutti gli enti locali, a prescindere dal fatto dell'autonomia regionale. Inoltre quell'articolo non è mai stato modificato da quando il testo unico entrò in vigore nel 2000 ( qui si può consultare la versione originaria), quindi è già da 21 anni che esiste. Sinceramente mi rifiuto di credere che abbiano istituito quei comuni violando palesemente quell'articolo: deve esserci per forza qualche motivazione giuridica che giustifichi tutto questo... -- Mess 15 here! (since 2006) 14:00, 16 ago 2021 (CEST)

[ @ Meridiana solare ] Alla fine ho trovato da solo la risposta che cercavo: sia nel caso di Misiliscemi sia in quello di Mappano sono state istituite delle leggi regionali ad hoc per abbassare il limite di 10000 abitanti imposto dal TUEL (per Misiliscemi se ne parla qui e qui ; per Mappano è già tutto spiegato all'interno della voce, ma me ne sono accorto solo ora). Quindi in sostanza era come supponevo io: in linea di principio vale ciò che dice il TUEL, ma se intervengono delle leggi regionali in materia, esse divengono preminenti rispetto al testo unico. Grazie comunque per l'interessamento ai miei (ex) dubbi in materia. -- Mess 15 here! (since 2006) 14:16, 16 ago 2021 (CEST)

Legge di Torricelli

La legge di Torricelli afferma che la velocità di efflusso di un fluido da un contenitore è uguale alla radice quadrata del doppio prodotto tra g e la profondità h del fluido. Non mi torna però come sia possibile che la velocità di efflusso, come si nota in questa legge, non dipenda in alcun modo dal diametro del foro d'uscita. Perché l'equazione di continuità dei fluidi dichiara che la velocità del flusso è inversamente proporzionale all'area della sezione che il fluido attraversa. Come si spiega questa incongruenza? Grazie.-- 84.221.142.90 ( msg ) 16:40, 16 ago 2021 (CEST)

Nella voce Legge di Torricelli leggo che vale "in uscita da un foro (di sezione molto piccola rispetto alle dimensioni del recipiente) ". -- Meridiana solare ( msg ) 16:53, 16 ago 2021 (CEST)
In realtà si nota (basta fare qualche calcolo) che ci sono sensibili variazioni di velocità al variare del diametro del foro, anche quando questo rimane comunque molto piccolo rispetto alle dimensioni del recipiente.-- 84.221.142.90 ( msg ) 16:57, 16 ago 2021 (CEST)
Sarebbe interessante sapere quale calcolo. -- Rojelio (dimmi tutto) 17:26, 16 ago 2021 (CEST)
Aspé, ti riferisci alla "continuità dei fluidi" che citavi prima? Quella, qui, non c'entra assolutamente nulla: abbiamo un recipiente bucato, non un fluido che attraversa un tubo. -- Rojelio (dimmi tutto) 17:30, 16 ago 2021 (CEST)
Quindi se l'acqua che passa per il buco del recipiente continua in una pompa (comunque dal diametro molto piccolo rispetto alle dimensioni del contenitore) da cui poi esce, la legge di Torricelli non è più applicabile? -- 84.221.142.90 ( msg ) 17:42, 16 ago 2021 (CEST)
Se entra in una pompa, avrà la velocità e pressione imposte dalla pompa, anziché quelle causate dalla "fuoriuscita libera" da un recipiente a pressione atmosferica. -- Rojelio (dimmi tutto) 17:45, 16 ago 2021 (CEST)
Occhio! La legge di Torricelli fornisce la velocità del fluido in uscita, non il flusso! Se il foro è più grande ovviamente il recipiente perderà più fluido perché l'area del foro è maggiore (secondo la legge di continuità), ma la velocità del fluido in uscita sarà sempre la stessa (trascurando gli attriti).
Puoi verificarlo facendo un buco grande e uno piccolo alla stessa profondità: la distanza dello zampillo sarà uguale per entrambi i buchi, ma quello grande ti allagherà la casa molto prima.
La questione del foro "piccolo" serve solo perché la velocità del pelo libero del recipiente viene assunta nulla, cosa che non è vera se il buco è grande rispetto al recipiente.
Ovviamente se le ipotesi non sono rispettate (eg c'è una pompa, il foro è grande, il recipiente è chiuso...) la legge di Torricelli non è applicabile e conviene utilizzare la legge di Bernoulli.-- Equoreo ( msg ) 19:39, 16 ago 2021 (CEST)
Non dimentichiamo la cosa piu` ovvia: se il foro e` grande (rispetto ad h), suoi bordi sono ad h diverse 151.29.45.9 ( msg ) 08:58, 17 ago 2021 (CEST)
Se l' acqua esce attraverso un lungo tubo SENZA POMPE bisogna tenere conto della dissipazione di energia dovuta all' attrito con le pareti del tubo ed alla viscosita` (matematicamente sono due condizioni indipendenti, fisicamente sono manifestazioni delle forze intermolecolari). L' argomento dovrebbe essere trattato alle voci viscosita`, viscosimetro e/o equazione di Poiseuille. 151.29.83.146 ( msg ) 07:59, 19 ago 2021 (CEST)

Chi è questo busto?

Chi è? asd

Ciao Oracolo! Chi è questo qui? Posso dire che è un busto nel palazzo dei musei di Varallo Sesia. Credo di intraleggere "Giuseppe Antonini" però le date di nascita e morte non corrispondono con quelle di un omonimo nella camera dei deputati deceduto a Varallo Sesia [3] . Chi è costui? Grazie asd -- Valerio Bozzolan ( msg ) 02:21, 21 ago 2021 (CEST)

Ciao [ @ Valerio Bozzolan ] da una ricerca sui natali e decesso potrebbe corrispondere anche a lui ? Ci sono altre bio su tal date ma di personaggi stranieri...per me uno dei due citati è altamente probabile che possano essere , ma bisogna approfondire , saluti :) -- Il buon ladrone 02:41 , 21 ago 2021 (CEST)
Ehi, ciao [ @ Valerio Bozzolan ] . Credo sia questo scultore di nome Giuseppe Antonini , morto a Varallo. Le date coincidono-- Parma 1983 02:49, 21 ago 2021 (CEST)
Ah sì sì bravi! Creato d:Q108176805 . asd -- Valerio Bozzolan ( msg ) 03:02, 21 ago 2021 (CEST)
Bene! :D-- Parma 1983 03:04, 21 ago 2021 (CEST)
Eh non vivevamo senza asd -- Valerio Bozzolan ( msg ) 03:38, 21 ago 2021 (CEST)